Regione Veneto

Ricomincia “Genitori, che avventura!”, il ciclo di incontri per formare ed aiutare i genitori di oggi

Pubblicato il 11 ottobre 2016 • Comune

La nuova stagione di incontri dedicati alla figura genitoriale a Valeggio sul Mincio riparte.

Il Comune di Valeggio sul Mincio, l'Istituto comprensivo “Graziella Murari”, la Parrocchia di San Pietro, la Scuola dell'Infanzia Parrocchiale, l'Asilo nido “Gli Gnomi”, l'Asilo nido “GattoNando” e due associazioni sportive, l’Associazione sportiva dilettantistica San Paolo Valeggio e la A.C. Valeggio, hanno riunito le forze allo scopo di organizzare la seconda edizione di “Genitori, che avventura!”. Le diverse istituzioni prima hanno costituito un tavolo tecnico con lo scopo di pianificare la struttura di questo vero e proprio corso di formazione e le future proposte che la scuola potrà offrire.

Si tratta, quindi, di una sorta di scuola per genitori avente il duplice scopo di fornire indicazioni utili e spunti di riflessione ai padri e alle madri ed offrire uno spazio di confronto e supporto lungo tutto l'anno scolastico.

Venerdì 14 ottobre 2016 presso il Teatro Smeraldo alle ore 20:45 avrà luogo l'inaugurazione del progetto con l'appuntamento “Crescere per educare. Il modo migliore per connettersi con un figlio è connettersi con se stessi”, condotto dal dottor Pietro Lombardo, psicopedagogista, fondatore e direttore didattico del Centro Studi Evolution.

Il ciclo di incontri, che inizieranno a novembre 2016 e termineranno a marzo 2017, saranno strutturati per fascia d'età dei minori (0-6 anni, 7-10 anni, 11-18 anni) e avranno cadenza mensile. L'altra novità di quest'anno è l'alternanza di incontri accademici con un docente in cattedra con riunioni gestite da alcuni “facilitatori” che avranno il compito di approfondire le diverse tematiche con lavori di gruppo.

Per informazioni contattate il Servizio Educativo (tel. 045/6339863-838 servizio.educativo@comune.valeggiosulmincio.vr.it).

Il vicesindaco Marco Dal Forno afferma: «Investire sui figli è la scelta più naturale che un genitore compie, farsi aiutare e condividere con altri la gioiosa responsabilità di educare è la scelta più intelligente che un genitore può fare. Ringrazio tutte le agenzie educative del territorio con le quali intraprendiamo questo secondo anno di percorso genitori, un messaggio di unità e coesione importante.».